Disoccupazione sale all’11,3%.

I dati dell’istituto nazionale di statistica rilevano che a maggio la disoccupazione è aumentata a livello generale e giovanile. I dati diffusi dall’Istat, ci dicono che il tasso è aumentato di 0,2 punti percentuali e la disoccupazione è ora all’11,3%. Le persone in cerca di occupazione sono 44mila in più.

Inoltre l’istituto nazionale di statistica ha contato 51mila occupati in meno rispetto ad aprile. Con la fine degli incentivi voluti dal governo Renzi si inverte dunque la tendenza alla stabilizzazione.

Anche la disoccupazione giovanile è cresciuta e si attesta al 37% con un aumento di 1,8 punti da aprile.  Rispetto al mese precedente ci sono 25mila persone in più rispetto ad aprile – nella fascia d’età compresa tra i 15 e i 24 anni – che sono cerca di occupazione.

“I dati, purtroppo, non sono una novità – si legge in una nota della Cgil firmata da Tania Sacchetti – confermano ciò che sosteniamo da tempo: il mercato del lavoro è stagnante. Essere ottimisti a tutti i costi non serve, meglio affrontare i nodi e le mancanze delle scelte politiche degli ultimi anni: occorre cambiare le politiche adottate sinora”. Sacchetti sottolinea che “continuano a calare i lavoratori a tempo indeterminato e il lavoro che si crea è precario e a termine”.

Visto come funziona alla grande il Jobs Act?

Start a Conversation

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *