Tagli alla sanità – Acerbo: “Come una guerra! Mortalità +15% nel 2017, stiamo tornando ai livelli del 1944!”

La notizia che la mortalità in Italia e’ cresciuta del 15% nei primi tre mesi del 2017 non sembra preoccupare, mentre dovrebbe dominare le prime pagine dei giornali ed essere al centro dei talk show televisivi.

Se continua questo trend a fine anno torneremo ai livelli del 1944, secondo l’allarme lanciato dal demografo Blangiardo su Avvenire.

Questi dati ci dicono quanto criminali siano state le politiche di taglio del welfare e della sanità portate avanti dai governi che si sono succeduti di centrodestra e centrosinistra, da Berlusconi fino a Renzi e Gentiloni.

Si sta distruggendo la sanità pubblica per favorire i privati sulla pelle di milioni di cittadine e cittadine.

Le politiche neoliberiste condivise praticamente da tutte le forze politiche stanno avendo un impatto sociale devastante.

Anche il decremento della natalità deriva da queste politiche che producono disoccupazione, precarietà, lavori sottopagati, paura del futuro.

Se aumentano le morti e diminuiscono le nascite non è per colpa degli immigrati ma delle politiche condivise anche dalle forze che propagandano xenofobia e razzismo.

Bisogna costruire una nuova sinistra popolare alternativa rispetto alle politiche e alle classi dirigenti responsabili di questo disastro sociale.

Maurizio Acerbo, segretario nazionale di Rifondazione Comunista – Sinistra Europea

Start a Conversation

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *