Sanzioni Usa a Cina, G. Chiesa: “Trump pugile suonato. Prepararsi a escalation di tensione”

da: intelligonews

Il dipartimento del Tesoro Usa ha annunciato l’adozione di sanzioni nei confronti di compagnie e uomini d’affari cinesi e russi per aver collaborato con il regime della Corea del Nord.

Nella lista figurano 10 compagnie e sei persone fisiche, tra cui le cinesi Dandong Rich Earth Trading e Mingzheng International e la russa Gefest-M LLC con il suo direttore Ruben Kirakosyan. Secondo Donald Trump facendo affari con il regime nord-coeano queste aziende contribuirebbero a finanziare il regime, consentendogli di arricchire il proprio arsenale militare. Russia e Cina hanno criticato la decisione degli Usa. Sale dunque la tensione? Cosa accadrà adesso? Intelligonews lo ha chiesto al giornalista Giulietto Chiesa esperto di scenari geopolitici.

Gli Usa impongono sanzioni alle aziende e alle persone russe e cinesi che fanno affari con la Corea del Nord. Trump sotto attacco in America sembra alzare il tiro con Cina e Russia per ottenere cosa?
“Trump si sta muovendo con azioni imprevedibili e contraddittorie tendenti di volta in volta a dimostrare ai nemici interni di essere molto duro nella difesa degli interessi americani e della loro affermazione nel mondo. Ovviamente siamo in presenza di una mossa aggressiva nei confronti di Cina e Russia destinata ad avere effetti negativi nel futuro. Ancora una volta ci troviamo di fronte ad una stategia che solo apparentemente ha carattere internazionale ma che è motivata esclusivamente da ragioni interne”.
Steve Bannon considerato per mesi lo stratega numero uno del presidente Usa, dopo la rottura con lui ha dichiarato: “E’ finita la presidenza Trump per cui abbiamo lottato”. E’ così?
“Mi sembra evidente che Trump stia correggendo gran parte delle cose sostenute durante la campagna elettorale. Ma lo sta facendo in modo improvvisato, casuale, istintivo. Trump assomiglia sempre di più ad un pugile che sta prendendo molto botte e sta cercando di parere i colpi confusamente mentre è costretto ad arretrare”.
Che autunno ci attende? Quali saranno le prossime mosse di Trump e quali i rischi?

“Crescerà la tensione internazionale, senza dubbio. Questo perché i promotori di questa tensione sono quelli che attaccano Trump dall’interno costringendolo di fatto a difendersi acuendo lo scontro all’esterno. Non mi sembra che gli Stati Uniti siano disposti a scendere a patti col resto del mondo. Anzi, a mio giudizio sono sempre più decisi ad imporre la propria volontà, come dimostra anche la decisione sull’invio delle truppe addizionali in Afghanistan. Non solo non c’è una marcia indietro, ma ce ne è stata una in avanti verso lo scontro. Ritengo che le notizie che giungono dalla Siria dove Bashar Al Assad avrebbe definitivamente sgominato Daesh, sono tali che faranno infuriare il Senato e il congresso degli Stati Uniti dove sono annidati i nemici di Trump. Quindi ci saranno molte mosse sotto il tappeto. Temo un incremento delle azioni della Cia in Siria anche a dispetto di Trump, ragione per cui  non mi aspetto nulla di buono dai prossimi mesi”.

Fonte

Start a Conversation

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *