Iran: la posizione dei comunisti iraniani

Pubblichiamo la dichiarazione del partito Tudeh, lo storico partito comunista dell’Iran, sulle proteste scoppiate nell’ultima settimana nel paese. Il partito, come tutte le altre formazioni della sinistra, è fuorilegge dagli anni ’80

DICHIARAZIONE DEL COMITATO CENTRALE DEL PARTITO TUDEH DELL’IRAN.

Cari compatrioti,

La crisi politico-economica del regime teocratico in bancarotta dell’Iran sta crescendo e approfondendosi ogni giorno.

L’impatto di questa crisi può essere osservato nei conflitti interni al regime e nelle rivelazioni senza precedenti di lotte intestine tra potenti fazioni – rivelando la profondità della corruzione e dell’oppressione che prevale nel cosiddetto “sistema esemplare del mondo”.

La spirale di povertà e privazione, i prezzi elevati e la disoccupazione cronica – che hanno rovinato la vita di gran parte della popolazione e in particolare della gioventù – la distruzione vasta e disastrosa dell’ambiente, a causa delle politiche catastrofiche del potere dominante, e la completa bancarotta economica del regime, nonché l’escalation di pressioni esterne, hanno complessivamente creato una situazione molto critica ed esplosiva nella nostra società. I capi del regime che vivono una vita di lusso con una fortuna senza precedenti accumulata negli ultimi quarant’anni saccheggiando le risorse nazionali e la ricchezza della nazione, chiedono alla gente di avere pazienza e tollerare le difficoltà per “proteggere” il regime islamico”- un regime che non ha portato nulla alla nostra nazione tranne la distruzione della cultura e il regresso politico ed economico. Gli attuali governanti hanno dimostrato in pratica che il loro unico scopo e desiderio è quello di salvare l’attuale regime dispotico e il dominio assoluto del clero dalla mente oscura sulla nostra nazione a costo di qualsiasi crimine e ogni tragedia.

Le ultime settimane hanno assistito all’escalation di scontenti e raduni di protesta  senza precedenti in numerose città, così come ampie e vaste proteste sindacali contro i prezzi elevati, l’oppressione e le ingiustizie perpetrate dagli organi governativi, dal governo e dal parlamento (Majlis), dal potere giudiziario, dal corpo delle guardie islamiche e dalla suprema leadership religiosa a tutela degli interessi dei grandi capitalisti. L’escalation del malcontento delle persone riguardo alla situazione esistente e, cosa più importante, la prontezza e la volontà delle masse arrabbiate e frustrate di combattere l’apparato repressivo del regime è un’indicazione degli sviluppi significativi nel livello di preparazione del masse in opposizione e in lotta aperta contro il governo della Repubblica islamica dell’Iran. Contrariamente alle affermazioni di alcuni leader dei riformisti favorevoli al regime che tali proteste sono “cospirazioni”, crediamo profondamente che la maggior parte della gente della nostra nazione sia delusa e frustrata dagli slogan di coloro i cui unici obiettivi sono apportare lievi modifiche al regime attuale, e ora chiedono cambiamenti fondamentali nella governance del paese. Oggi solo coloro che vorrebbero in qualche modo preservare l’attuale situazione disastrosa temono l’escalation e la crescita della lotta popolare. L’esperienza degli ultimi due decenni e diverse elezioni presidenziali, parlamentari e comunali che si sono svolte e manipolate sotto il controllo e la direzione del Leader Supremo hanno dimostrato che la gente si sta rapidamente allontanando dalla strategia di scegliere tra male e peggio, e non è più disposta a sottomettersi alla manipolazione delle loro richieste da parte del regime e dei riformisti favorevoli al regime che in questi giorni svolgono il ruolo di mediatori di potere. La maggior parte della gente della patria oggi vuole porre fine al dispotico regime teocratico; porre fine all’oppressione e all’ingiustizia; e portare alla creazione di libertà e giustizia sociale. Queste richieste possono essere raggiunte solo attraverso una lotta congiunta di tutte le forze nazionali e amanti della libertà senza l’intervento straniero.

Cari compatrioti,

Allo stesso tempo, va notato che nelle condizioni critiche delle attuali pericolose tensioni regionali, la reazione regionale – sostenuta dall’amministrazione Trump negli Stati Uniti e dal governo di destra di Netanyahu in Israele – sta cercando di incidere in modo evidente sugli sviluppi nel nostro paese al fine sostituire l’attuale regime reazionario con un altro regime reazionario. Il supporto di queste forze – l’amministrazione Trump e il governo di destra di Netanyahu – per i monarchici iraniani e quei gruppi politici il cui programma è di cooperare con i regimi più reazionari della regione e persuadere gli Stati europei a imporre sanzioni all’economia iraniana, esacerbando così la miseria per le persone indigenti e svantaggiate del nostro paese – e per incoraggiare gli stati stranieri a interferire militarmente in Iran, non lascia spazio a nessun ottimismo riguardo ai futuri progetti di tale “opposizione”. Le forze progressiste e amanti della libertà dell’Iran devono aumentare la loro presenza nel movimento di protesta delle masse – più che mai – fornendo slogan orientati alle persone, offrendo una guida ragionevole e facendo affidamento sulle legittime richieste delle masse per abolire l’esistente soppressivo regime e porre fine alla privazione economica, all’oppressione, l’ingiustizia e il saccheggio delle risorse naturali e umane della nazione, evitando gli slogan reazionari e divergenti. Non dovremmo lasciare che il passato si ripeta per mezzo del quale l’eroica lotta della nazione per la libertà, la democrazia e la giustizia sociale viene dirottata da un gruppo di opportunisti reazionari che non credono nei diritti del popolo o nelle libertà democratiche.

Cari compatrioti,

Il modo per salvare il paese è attraverso una mobilitazione congiunta e organizzata di tutte le forze nazionali, anti-dittatura e amanti della libertà per abolire il regime teocratico dispotico e anti-popolare della leadership suprema. Il nostro partito ha creduto fermamente che il regime politico dominante in Iran – un regime che si basa sul governo di un individuo come “rappresentante di Dio sulla Terra” che è al di sopra e al di là di tutte le leggi e le istituzioni governative, legislative e giudiziarie – è un regime irriformabile, un regime democratico basato sul popolo non può essere creato attraverso una rielaborazione dell’attuale sistema. La soluzione è di condurre una lotta congiunta e organizzata di tutti gli strati sociali – dai lavoratori alla gioventù militante, studenti, donne e intellettuali progressisti e amanti della libertà – attorno a slogan popolari contro il dominio della tirannia. L’esperienza della nostra storia contemporanea ha dimostrato che i popoli dell’Iran hanno la capacità di trasmettere la loro voce alle orecchie della reazione dominante. Ancora una volta, facciamo appello a tutte le forze nazionali, progressiste e amanti della libertà della nazione per mettere da parte i loro disaccordi storico-teorici e mobilitarsi insieme, insieme al movimento popolare per aiutare efficacemente la lotta – il cui obiettivo è rifiutare la tirannia e stabilire il dominio del popolo e la libertà, la pace, la sovranità e la giustizia sociale.

Il comitato centrale del partito Tudeh dell’Iran

29 dicembre 2017

il testo in inglese sul sito del partito Tudeh

Start a Conversation

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *