8 gennaio, pieno sostegno allo sciopero dei docenti diplomati contro licenziamenti di massa

8 gennaio, pieno sostegno allo sciopero dei docenti diplomati contro licenziamenti di massaAncora attacchi alla scuola della Costituzione. Rischio licenziamento per 5300 docenti.

Il PRC/SE sostiene la vertenza dei docenti diplomati magistrali della scuola Primaria e dell’Infanzia che l’8 gennaio 2018 sciopereranno e manifesteranno a Roma, presso la sede del MIUR.

Una sentenza del Consiglio di Stato, vanificando sentenze precedenti, crea una situazione che rischia di compromettere migliaia di posti di lavoro e diritti acquisiti, anche con anni di esperienza didattica, e di gettare nel caos la scuola primaria e dell’infanzia, che non può fare a meno di docenti di ruolo e di supplenti  (precari) indispensabili per il loro funzionamento. Si tratta di una sentenza dovuta a pasticci legislativi ai quali il governo non ha posto rimedio per tempo, non tenendo conto di una realtà che si sarebbe dovuta regolarizzare da tempo. Trovi immediatamente, visto che rimane in carica, la soluzione all’ennesimo disastro che rischia di colpire la scuola italiana, con il licenziamento di circa 5300 lavoratrici e lavoratori e l’impossibilità per altre decine di migliaia di mantenere il posto a tempo determinato.

I bambini e le bambine hanno diritto alla continuità didattica garantita da queste/i insegnanti. La scuola italiana ha il dovere di preservare il diritto allo studio, come previsto dalla Costituzione, messa fortemente in discussione in questi anni, da governi che puntano solo a stravolgerla.

Loredana Fraleone, responsabile nazionale scuola PRC-SE

Start a Conversation

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *