Fiom al governo: su situazione Fca incontro urgente, non è più tempo di attese

Negli Stati Uniti investe miliardi di dollari. In Italia la situazione peggiora: Cig e chiusure prolungate di stabilimenti.

“Negli Stati Uniti Fca investe sul futuro: investimenti, innovazione tecnologica, verde e occupazione. Fca investirà più di un miliardo di dollari nell’impianto di Warren in Michigan, dove trasferirà dal Messico nel 2020 la produzione della prossima generazione di Ram heavy Duty.

E al contempo distribuirà a 60.000 dipendenti americani un bonus di 2.000 dollari. Dal del 2009 ad oggi Fca ha investito 10 miliardi di dollari negli Stati Uniti, in piena sintonia con l’accordo Fiat-Chrysler siglato con Barack Obama, per il rilancio l’industria dell’auto grazie all’utilizzo di nuove tecnologie, salvaguardando i posti di lavoro.

L’anno per la proprietà di FCA ed il suo management si è chiuso con il raggiungimento degli obiettivi finanziari mentre in Italia per i lavoratori il 2017 non si è chiuso bene ed il problema è che il 2018 si apre peggio.Quest’anno scade il piano industriale e il contratto specifico di lavoro: sarebbe ora di un vero bilancio. La piena occupazione annunciata, non ci sarà, anzi, l’inizio dell’anno è stato caratterizzato dalle chiusure prolungate degli stabilimenti con i modelli Alfa e Jeep, mentre per quelli Maserati il nuovo anno si è aperto con annunci di cassa. Inoltre, per gli stabilimenti di Mirafiori e Pomigliano d’Arco e Nola gli ammortizzatori sociali terminano in corso d’anno.

Non è più tempo di aspettare. In questi anni la Fiom con i lavoratori ha raggiunto con FCA le intese utili a salvaguardare l’occupazione, ma ora è tempo di andare oltre.Chiediamo un confronto ad azienda e governo, un tavolo congiunto per mettere in atto tutte le iniziative utili alla realizzazione di un piano che si basi sull’innovazione e sull’occupazione. Nuovi modelli aggiuntivi a quelli in produzione, a partire dagli stabilimenti che terminano gli ammortizzatori sociali. E’ indispensabile un confronto per un programma di investimenti pubblici e privati con l’obiettivo di produrre in Italia per il resto del mondo le auto ecologiche ibride ed elettriche”.

Segretario nazionale Fiom-Cgil

Start a Conversation

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *