Vasto – Acerbo (PRC): “Aggressione fascista non goliardia. Prefetto, questore e Comune chiudano locale”

Ieri sera a Vasto (CH) in piena “movida” nel ristorante La Barcaccia risuonava Faccetta Nera a tutto volume. Un cittadino ha protestato segnalando che si trattava di apologia del fascismo.

È stato aggredito dal titolare ed è finito al pronto soccorso.  È un episodio che rientra nel clima fomentato dal ministro degli interni Salvini. Si tratta di un’aggressione fascista non di una rissa o un diverbio. L’aggressore dopo la violenza ha dato sfoggio apertamente delle sue convinzioni fasciste.

Faccetta Nera è un canto risalente all’epoca in cui l’Italia fascista si rese responsabile di crimini contro l’umanità e stragi orrende in Etiopia e Libia e delle leggi razziali al fianco di Hitler. Questi imbecilli che vanno cantando “viva il Duce e viva il Re” sono il frutto di ignoranza e rimozione di una tragedia che si concluse con  l’Italia in macerie.

Il prefetto, il questore e l’ amministrazione comunale di Vasto dovrebbero far chiudere o almeno sospendere per almeno un mese questo locale. Il titolare avrebbe finalmente il tempo di leggere qualche libro di storia. Gli regaleremo una copia di “Italiani brava gente” dello storico Del Boca. Così impara qualcosa.

A Nicholas, il cittadino antifascista aggredito, la più completa solidarietà di Rifondazione Comunista.

Maurizio Acerbo, segretario nazionale Rifondazione Comunista – Sinistra Europea, coordinamento nazionale di Potere al popolo

Start a Conversation

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *