Luciano Vasapollo a Telesur: “Le sanzioni economiche contro il Venezuela sono crimini contro l’umanità”

In quest’intervista all’emittente Telesur, il professore della Sapienza Luciano Vasapollo – a Caracas per partecipare al Foro internazionale di Sao Paolo e dopo l’incontro avuto con il presidente Nicolas Maduro – dichiara come “vogliono farle passare come sanzioni individuali, come misure marginali, come un embargo, ma in realtà contro il Venezuela si applica un blocco totale che è un crimine contro l’umanità. Se oggi muoiono bambini in Venezuela è per colpa di queste sanzioni criminale e dobbiamo dirlo con maggior forza possibile per rompere la censura totale”.

Nel proseguo dell’intervista Vasapollo sottolinea come, nonostante la crisi degli Stati Uniti in corso sia marcata e ha perso il primato sia dal punto di vista tecnologico che economico, “l’Impero degli Usa non morirà domani.

La storia degli imperi spagnoli e inglesi ci insegnano che la crisi richiede diversi anni e noi stiamo vivendo proprio la fase più critica quella per cui un impero per mantenere il controllo ha bisogno della guerra, guerra militare, economica, psicologica, finanziaria, mediatica… e il Venezuela è al centro di tutto. Il Venezuela è oggi il primo bersaglio degli Stati Uniti e per questo la resistenza erorica del popolo venezuelano è lo smacco più grande ai sogni imperiali oggi. Ed è per questo che la madre di tutte le battaglie oggi si combatte in Venezuela ed è qui che dobbiamo stare”, ha dichiarato.

“Se i Brics si dichiarano per il dialogo. Se i paesi che compongono il 60% del Pil mondiale sono per il dialogo. E’ chiaro come la Rivoluzione bolivariana ha vinto, ha sconfitto il tentativo di destituzione degli Stati Uniti attraverso quella figura Guaidò che ha palesato tutto quello che è in realtà”, ha sottolineato Vasapollo. 

Fonte

Start a Conversation

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *