“Accordo del secolo” di Trump “una pietra miliare desolante”

Il cosiddetto “accordo del secolo” proposto dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump segna una “pietra miliare desolante” nel conflitto israelo-palestinese, denuncia Ian Black editorialista del quotidiano britannico, The Guardian.

In un articolo pubblicato ieri, firmato dall’editorialista ed ex corrispondente dal Medio Oriente, Ian Black, sul quotidiano britannico  The Guardia, si sottolinea che l’annessione israeliana della Cisgiordania nega ai palestinesi i loro diritti nel loro presunto piano di pace, e Trump perpetua solo il conflitto tra Palestina e regime di Tel Aviv.

Il tanto atteso “accordo del secolo” di Trump, presentato martedì in pompa magna alla presenza del premier israeliano Benjamin Netanyahu, non è affatto un piano che consente a israeliani e palestinesi di scoprire come possono vivere in pace, uguaglianza e dignità, si legge.
 
Inoltre, indica che è improbabile che porti a una sorta di negoziati perché i palestinesi sono già “logicamente” furiosi per una serie di misure unilaterali statunitensi che hanno minato decenni di sforzi da parte della comunità internazionale per risolvere il conflitto più difficile nel mondo, che coinvolge la situazione di Al-Quds (Gerusalemme), gli insediamenti israeliani e il problema dei rifugiati palestinesi.

Infatti, aggiunge, ignora innumerevoli risoluzioni delle Nazioni Unite, gli Accordi di Oslo (1993), l’Arab Peace Peace Initiative – proposta dall’Arabia Saudita nel 2002 – e l’idea fondamentale che i palestinesi abbiano l’inalienabile diritto all’autodeterminazione.
 
Secondo The Guardian , è vero che la squadra di Trump ha usato il termine “Stato palestinese”, ma la sua insistenza sulla sottomissione dei palestinesi alle richieste israeliane e la natura troncata del territorio demilitarizzato che tale “Stato” avrebbe ipoteticamente controllato (incapace di commentare oltre i propri confini, spazio aereo e acque territoriali), insieme al disarmo del Movimento di resistenza islamica palestinese (HAMAS) nella Striscia di Gaza, rendono la parola “Stato” insignificante.
 
Il giornale ricorda che con questo piano, Washington ha dato la sua approvazione all’annessione israeliana della Valle del Giordano, che rappresenta il 30% della Cisgiordania, ha dato il via libera all’applicazione della sovranità israeliana agli insediamenti costruiti illegalmente dalla guerra di 1967, che oggi ospita 600.000 coloni israeliani. Per la richiesta che Israele congeli gli insediamenti esistenti (anche se solo nelle aree assegnate ai palestinesi) per quattro anni diventa insignificante rispetto al riconoscimento di quel principio di base.
 
La prossima settimana Netanyahu continuerà con una decisione del governo sull’annessione unilaterale della Valle del Giordano. Se ciò accade, rappresenterà una sfida diplomatica seria e immediata per il resto del mondo, perché rimarrà illegale ai sensi del diritto internazionale, aggiunge.
 
Pertanto, conclude, se, come ha avvertito il presidente degli Stati Uniti, questa è “l’ultima possibilità per i palestinesi”, diventerà un’altra “pietra miliare desolante” , poiché l’inquilino della Casa Bianca non fa che aumentare le tensioni.

Fonte

Sabato 1-Febbraio-2020, ore 16:00 
p.za Duomo/Arengario/MILANO

La Comunità Palestinese di Lombardia

Invita tutte le forze democratiche a partecipare al presidio che si terrà
Contro il falso piano di pace di Trump che intende liquidare totalmente
i diritti del popolo Palestinese all’Indipendenza e alla
autodeterminazione
cancellando decine di Risoluzioni e il Diritto Internazionale

Start a Conversation

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *