Categoria: Articoli – Interviste

A 50 anni dall’assassinio di Ernesto Guevara

Il 9 ottobre ricorre il 50° dalla morte di Ernesto Guevara, più noto come el Che. Un rivoluzionario, un guerrigliero, uno scrittore e un medico argentino.

Ernesto Rafael Guevara de la Serna (suo nome completo) fu membro del Movimento del 26 luglio e dopo il successo della rivoluzione cubana assunse un ruolo nel nuovo governo (direttore del Banco Nacional e di ministro dell’Industria).

Continua la lettura di “A 50 anni dall’assassinio di Ernesto Guevara”

Nuovo cinema Marconi, 2 milioni e 2 sale per il restyling: slogan o fosse la volta buona?

E’ di questi giorni la notizia di una possibile riapertura del Cinema Marconi; Una struttura totalmente rinnovata e recuperata alla città con un project financing da quasi 2 milioni di euro. Secondo le prime indiscrezioni, il progetto di recupero e riqualificazione del cinema teatro che da 5 anni è in stato di abbandono, prevede la realizzazione di due sale di diversa capienza oltre che di uno spazio riservato ai camerini.

Continua la lettura di “Nuovo cinema Marconi, 2 milioni e 2 sale per il restyling: slogan o fosse la volta buona?”

Le politiche abitative in Lombardia non risolvono l’emergenza ma peggiorano le condizioni delle famiglie più povere!

Se la situazione abitativa in Lombardia è di per se disastrata, la nuova legge regionale sulle politiche abitative pubbliche la peggiora ulteriormente. Succede, che i nuovi provvedimenti, nel campo delle assegnazioni degli alloggi, sono più restrittive. Chi diventa povero e subisce lo sfratto, perché non ha più potuto pagare l’affitto, non rientra nei requisiti per partecipare al bando per ottenere un alloggio pubblico. Ma potrà accedervi solo se potrà dimostrare che sarà in grado di procurarsi un reddito adeguato.

Continua la lettura di “Le politiche abitative in Lombardia non risolvono l’emergenza ma peggiorano le condizioni delle famiglie più povere!”

Dopo Basf e Flint, a Cinisello Balsamo si continua a licenziare.

Oggi 22 maggio una delegazione del circolo del Partito della Rifondazione Comunista si è recata al picchetto del primo giorno di sciopero della conceria Motta, una realtà produttiva centenaria di Cinisello Balsamo, il cui futuro sembra incerto.

Dopo anni di licenziamenti individuali ingiustificati e successivi reintegri, dopo il progressivo abbandono degli investimenti da parte della proprietà, che ha già acquisito uno stabilimento in Spagna, ora i lavoratori e le lavoratrici di Cinisello Balsamo vivono con la minaccia della chiusura di interi reparti e della perdita di decine di posti di lavoro.

Continua la lettura di “Dopo Basf e Flint, a Cinisello Balsamo si continua a licenziare.”

Ora applichiamo il diritto costituzionale su lavoro e casa

La vittoria del referendum sulla difesa della costituzione, ha messo in risalto che i cittadini non sono cosi sprovveduti come Renzi sperava. Era chiaro che nel disegno del suo “cambiamento”, si nascondeva il vero motivo che lo ha spinto a tanto: Secondo un progetto globalizzato, i diritti sanciti dalle costituzioni dei paesi democratici sono un ostacolo e quindi incompa­tibili con il liberismo economico mondiale. Ed è per questo motivo che esse vanno “adattate” ad un modello che, di fatto, prevede sempre più povertà per i lavoratori e pensionati e sempre più potere e ricchezza per le multinazionali e le banche.

Continua la lettura di “Ora applichiamo il diritto costituzionale su lavoro e casa”

25 aprile 2016 – 25 aprile 2017. Cos’è cambiato a Cinisello?

Storia triste in una giornata di Festa

Un anno passa in fre­tta, ma in politica spesso può portare con se cambiamenti epocali, anche in una cittadina dalla mar­cata tradizione demo­cratica come Cinisel­lo Balsamo.

Sono ormai passati una decina d’anni dal­la mia prima elezione a Segretaria citta­dina del Partito del­la Rifondazione Comu­nista, incarico che sono orgogliosa e on­orata di ricoprire tutt’oggi.

Continua la lettura di “25 aprile 2016 – 25 aprile 2017. Cos’è cambiato a Cinisello?”