Categoria: Europa

Un percorso per l’unità della sinistra antiliberista alle elezioni europee

Manifesto of the Party of the European Left

di Giovanna Capelli

L’ordine del giorno alla riunione dell’Esecutivo del Partito della Sinistra Europea, che si è tenuta a Bruxelles il 29 settembre 2018 era l’analisi approfondita delle situazioni nazionali, dello stato della Unione Europea in rapporto alle prossime elezioni.

Mentre la crisi economica e sociale morde ancora e aumenta povertà e disoccupazione le politiche di austerità portate avanti dai governi a egemonia Popolare o Socialista o, come quello della Merkel di “grande coalizione“ ne hanno moltiplicato gli effetti, attaccando i diritti dei lavoratori, lo stato sociale, il potere di contrattazione collettiva.

Continua la lettura di “Un percorso per l’unità della sinistra antiliberista alle elezioni europee”

Amministrative in Russia, crolla il partito di Putin. Affermazione dei comunisti di Zyuganov

Russia. Unica consolazione Mosca: rivince Sergey Sobyanin, il sindaco uscente, ma vota solo il 30%.

Ieri giorno di voto amministrativo in 80 degli 85 distretti del paese. Un test importante per Putin e per il suo governo dopo che il presidente era apparso in Tv per difendere la riforma pensionistica. Le sorprese sono state tutte spiacevoli per Russia Unità, il partito di Putin.

Continua la lettura di “Amministrative in Russia, crolla il partito di Putin. Affermazione dei comunisti di Zyuganov”

Svezia, ottima affermazione della sinistra antiliberista

La socialdemocrazia guarda al centro per rimettere insieme i pezzi ma la maggioranza è un rebus.

Lo sfondamento della destra in Svezia non c’è stato e regge – pur perdendo il 3% – il Socialdemokraterna: i socialdemocratici si confermano primo partito svedese con il 28,4% e hanno fatto da argine all’avanzata bruna insieme al Miljöpartiet de gröna (Partito dell’ambiente i verdi), loro alleati nel governo di minoranza (che con il 4,3% hanno superato la soglia del 4% per entrare e in Parlamento) che hanno governato per 4 anni la Svezia con il sostegno esterno del Vänstenparteit (Partito della Sinistra) che mette insieme ex comunisti e sinistra radicale e ambientalista.

Continua la lettura di “Svezia, ottima affermazione della sinistra antiliberista”

Manifesto of the Party of the European Left

Manifesto of the Party of the European LeftManifesto del Partito della Sinistra Europea

Pubblichiamo, in vista delle elezioni del 2019, il Manifesto del Partito della Sinistra Europea che offre importanti spunti e indicazioni. Abbiamo provato a tradurlo noi in italiano dal testo originale in inglese che trovate in fondo (scusate per eventuali errori e se ne trovate nella traduzione per favore segnalatecelo).

Nuove speranze stanno nascendo in Europa. Una nuova visione ispira un numero crescente di europei e li unisce a partecipare a grandi mobilitazioni per resistere all’imposizione di una strada a senso unico capitalista che è un tentativo di intrappolare l’umanità in una nuova regressione sociale e culturale.

Continua la lettura di “Manifesto of the Party of the European Left”

Amnesty International denuncia

“governi europei collusi con le autorità libiche per contenere rifugiati e migranti in Libia”. Tra giugno e luglio 2018, 721 morti in mare.

Il numero di persone che perdono la vita nel Mediterraneo centrale o che sono state rimandate in squallidi centri di detenzione in Libia è aumentato “a seguito delle politiche europee volte a chiudere la rotta del Mediterraneo centrale”, la denuncia arriva da Amnesty International in un nuovo dossier pubblicato mercoledì 8 agosto, in cui l’organizzazione accusa i paesi europei di cospirare con la Libia per contenere gli arrivi in Ue.

Continua la lettura di “Amnesty International denuncia”

La Grecia di Tsipras che resiste

Contro Tsipras convergono le critiche dei «sovranisti» di sinistra e dei dei neo-populisti di destra. Eppure nel 2017 il Pil greco è cresciuto di quasi l’1,5% e nei 5 anni di “cura della Trojka si era ridotto del 30%.

Dare a Tsipras quel che è di Tsipras. Una sinistra incapace di riconoscere i propri punti di riferimento e di dar conto del loro merito, pur senza rinunciare al dovere di critica, è destinata alla fine miserevole che ha fatto. Tre anni fa tutti a sgomitare dietro ad «Alexis».

Continua la lettura di “La Grecia di Tsipras che resiste”