Categoria: Europa

Vendetta di Madrid contro la Catalogna con il trucco della «legalità»

Madrid sta giocando alla guerra civile. Si comporta incredibilmente come se avesse avuto luogo un’insurrezione armata. Barcellona, invece, mantiene la calma e non valica il limite della protesta pacifica e del discorso democratico. Ciò che accade in Spagna è assolutamente inaudito. La destra spagnola sta sfruttando la crisi catalana per spostare in senso autoritario e repressivo gli equilibri politici del paese. Un governo democraticamente eletto viene incarcerato in blocco in seguito a una iniziativa politica rimasta, in buona sostanza, sul piano simbolico-comunicativo e già neutralizzata dall’esautorazione delle istituzioni catalane.

Continua la lettura di “Vendetta di Madrid contro la Catalogna con il trucco della «legalità»”

La repressione della Spagna strappa il velo

È vero, hanno convocato un referendum per l’indipendenza dopo sette anni di scontro con Madrid e il Partito polare; è vero, hanno chiamato al voto minando le già incerte istituzioni spagnole immobili alla svolta del 1978 che traghettò il Paese fuori dal buio del fascismo di Franco. È vero, irresponsabilmente non hanno tenuto conto dei rapporti di forza.

Continua la lettura di “La repressione della Spagna strappa il velo”

Pablo Iglesias: “Non autorità, il blocco monarchico mostra solo inefficacia. E allontana la Catalogna dalla Spagna”

Rajoy annuncia il commissariamento della Catalogna. Elezioni entro sei mesi

Con la motivazione di una “disobbedienza ribelle, sistematica e consapevole” degli obblighi previsti dalla legge e dalla costituzione e il fatto che sia stato “gravemente attentato” l’interesse generale dello stato da parte dell’autorità della Catalogna, Mariano Rajoy ha preso la decisione di applicare, per la prima volta nella storia della Spagna, l’articolo 155 della Costituzione.

Continua la lettura di “Pablo Iglesias: “Non autorità, il blocco monarchico mostra solo inefficacia. E allontana la Catalogna dalla Spagna””

Alberto Garzon (IU) sul discorso del re: «Alimenta lo scontro e allontana una soluzione democratica e pacifica»

Articolo del coordinatore di Izquierda Unida che critica duramente il discorso del monarca spagnolo Felipe di Borbone
di Alberto Garzon

Ho appena ascoltato il discorso del cittadino Felipe di Borbone. Non voglio negare che speravo in un discorso equilibrato e misurato che avrebbe potuto contribuire a risolvere il conflitto. Conosco personalmente il capo dello Stato. Ho parlato con lui in varie occasioni e so che pensa alle cose prima di parlare. Oggi, tuttavia, temo che sia stato consigliato dai suoi nemici. Il suo discorso ha avuto un tono antipatico e ostile.

Continua la lettura di “Alberto Garzon (IU) sul discorso del re: «Alimenta lo scontro e allontana una soluzione democratica e pacifica»”

Catalogna: comunicato di Izquierda Unida

Catalogna: comunicato di Izquierda UnidaPubblichiamo la traduzione del comunicato stampa di IZQUIERDA UNIDA su quello che sta succedendo in Catalogna.

DOMENICA 1 OTTOBRE 2017

Ciò che sta succedendo oggi in Catalogna è il completo fallimento del governo di Rajoy. Le immagini e i video che stiamo ricevendo riflettono la repressione con cui il Governo sta rispondendo a una domanda legittima e pacifica della società catalana.

Continua la lettura di “Catalogna: comunicato di Izquierda Unida”

Catalogna, dove saremo domani?

di Ramon Luque*

Per cercare di capire che cosa sta succedendo in Catalogna occorre guardare oltre la cronaca di questi giorni. Non si tratta di andare indietro nella storia per spiegare che il popolo della Catalogna rivendica da molto tempo la propria realtà nazionale. Voglio riferirmi al presente e al passato prossimo. Che cosa è successo negli ultimi tempi in Catalogna? In sintesi si sono incrociati tre elementi: la profonda crisi economica che colpisce la Spagna dal 2008 e che ha avuto, sulla mobilitazione cittadina dei catalani, un impatto determinante; una grave crisi della politica e del sistema costituzionale spagnolo nato nel 1978; e infine una crisi istituzionale, senza precedenti in 40 anni di democrazia, fra i governi e le istituzioni di Spagna e Catalogna.

Continua la lettura di “Catalogna, dove saremo domani?”

Catalogna: comunicato del Partito Comunista di Spagna

APRIRE UNA VIA INCLUSIVA E PLURALE PER RECUPERARE LA NORMALITÀ DEMOCRATICA IN CATALOGNA E NEL RESTO DELLO STATO

La dichiarazione del Gruppo di Unidos Podemos, è un tentativo riuscito di rompere con la dinamica attuale causata dalla risposta autoritaria con cui il Governo del PP-C’s ( Partido Popular e Ciudadanos) cerca di affrontare la via unilaterale intrapresa dal Governo di Puigdemont e che ci sta praticamente portando a vivere una situazione di eccezione, in cui la libertà d’espressione comincia ad essere gravemente limitata e che può provocare una risposta violenta alla attuale crisi, causando una frattura istituzionale e sociale con conseguenze imprevedibili.

Continua la lettura di “Catalogna: comunicato del Partito Comunista di Spagna”

Elezioni Germania: il programma di Die Linke

Sociale. Giusta. Pace. Per ognun@

1. Per un fisco equo

  • Meno tasse per redditi inferiori a 7.100 € lordi al mese (136 € in più al mese per 1.700 € lordi, 211 € in più per i redditi a partire da 3.400 €)
  • Innalzamento del minimo esente da detrazione fiscale a 12.600 €
  • Tassare di più i redditi alti: 53% di imposizione fiscale a partire da 86.000 € lordi all‘anno (per persone single) – „tassa sui ricchi“ 60% a partire da 260.000 €, 75% a partire da un milione di €.
  • No a tasse più basse per i redditi da capitale rispetto a quelli da lavoro: abolire l‘imposta forfettaria del 25% per i redditi da capitale
  • Patrimoniale: 5% sui patrimoni superiori a un milione

Continua la lettura di “Elezioni Germania: il programma di Die Linke”