Categoria: Medio Oriente

Gli attacchi contro i palestinesi aumentano dopo la decisione di Trump su Gerusalemme

Nazioni Unite, 5 gen (Prensa Latina). A seguito della decisione del presidente statunitense Donald Trump su Gerusalemme, sono aumentati gli scontri nella Striscia di Gaza: più di 4.500 palestinesi sono stati feriti dalle forze israeliane e 14 sono morti, secondo i rapporti di oggi dell’ONU.

Secondo l’Ufficio per il Coordinamento degli Affari Umanitari delle Nazioni Unite (OCHA), le lesioni inflitte ai palestinesi dagli occupanti dal 6 dicembre – dopo che Trump ha nominato Gerusalemme capitale di Israele – costituiscono circa il 56% di tutte quelle registrate durante il 2017.

Continua la lettura di “Gli attacchi contro i palestinesi aumentano dopo la decisione di Trump su Gerusalemme”

Russia: In Siria ‘eliminati 60 mila terroristi dell’ISIS’ mentre gli USA ‘addestrano nuovi gruppi terroristici’

Durante le operazioni anti-terrorismo in Siria, la Russia è riuscita ad eliminare 60 mila terroristi dell’ISIS (Daesh, in arabo), ha comunicato il generale russo Valery Gerasimov, il quale, lancia l’allarme sull’addestramento e formazione di nuovi gruppi armati da parte degli USA nel paese arabo.

Continua la lettura di “Russia: In Siria ‘eliminati 60 mila terroristi dell’ISIS’ mentre gli USA ‘addestrano nuovi gruppi terroristici’”

Le Nazioni Unite votano a larghissima maggioranza (128 Vs 9) contro gli USA: la decisione su Gerusalemme è nulla

Ecco chi sono i sette paesi che hanno votato contro insieme a Israele e Usa

L’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha adottato la risoluzione sullo status di Gerusalemme (Al-Quds) che considera nulla e non valida la misura del presidente degli Stati Uniti di spostare la sua ambasciata nella città, contraddicendo le precedenti risoluzioni dell’organismo.

Continua la lettura di “Le Nazioni Unite votano a larghissima maggioranza (128 Vs 9) contro gli USA: la decisione su Gerusalemme è nulla”

Oltre 170.000 documenti confermano che Gerusalemme appartiene ai palestinesi

Sull’edizione odierna di un quotidiano italiano, che non citiamo per non pubblicizzarlo immeritatamente, il direttore si lancia in un’affermazione perentoria: «…le orrende mozioni dell’Unesco che hanno provato a mettere in dubbio il legame millenario tra il popolo ebraico e Gerusalemme»

Il recente riconoscimento ufficiale della città di Gerusalemme come capitale di Israele, annunciato dal presidente statunitense Donald Trump, ha riacceso polemiche e dispute mai sopite. Si teme che questa mossa sia solo il preludio a una estromissione completa dei palestinesi dalla città definita santa.

Continua la lettura di “Oltre 170.000 documenti confermano che Gerusalemme appartiene ai palestinesi”

Richard Falk: Gerusalemme non è la capitale di Israele

I diritti dei palestinesi. Israele a tutt’oggi si è rifiutata di definire il limite dei propri confini per finalità di diritto internazionale, presumibilmente per permettere ulteriori espansioni fino a quando la totalità della biblica Terra Promessa sarà sotto il suo controllo totale. A rischio di estinzione, in particolare, c’è la fetta di territorio della West Bank che da Israele viene indicata con i nomi biblici di Samaria e Giudea, sostenendo in questo modo l’idea che tradizione etnica e religiosa abbiano la precedenza sul diritto internazionale contemporaneo.

Continua la lettura di “Richard Falk: Gerusalemme non è la capitale di Israele”

Proteste in tutto il mondo contro la decisione di Trump su Gerusalemme

La controversa decisione di Donald Trump di riconoscere Al-Quds (Gerusalemme) come capitale del regime israeliano ha scatenato indignazione in tutto il pianeta

Le strade della West Bank, di Gaza e Al-Quds sono state inondate da decine di migliaia di palestinesi indignati, due giorni dopo il controverso riconoscimento di Gerusalemme come capitale del regime israeliano da parte degli Stati Uniti.

Continua la lettura di “Proteste in tutto il mondo contro la decisione di Trump su Gerusalemme”

Gerusalemme capitale, anche oggi le proteste della Terza Intifada

Solidarietà, sabato in via Bissolati con la Comunità palestinese. Il Governo di Tel Aviv pronto a costruire nuove case per i coloni

Ancora manifestazioni oggi previste in tutta la Palestina storica dopo la preghiera del venerdì. Hamas chiama alla Terza Intifada nel 30° anniversario della Prima. Tel Aviv approfitta della dichiarazione di Trump per mettere sul tavolo altre case per i coloni. Il ministro dell’Abitazione, Yoav Gallant, membro del partito di destra Casa Ebraica, ha detto che presenterà la prossima settimana al consiglio dei ministri il piano di costruzione di 14mila nuove case per coloni, di cui 6mila a Gerusalemme est.

Continua la lettura di “Gerusalemme capitale, anche oggi le proteste della Terza Intifada”

Il regime d’Israele torna a bombardare Gaza, almeno 7 morti

di Paola Di Lullo

Sono circa le 17,00 di ieri sera quando un forte boato viene distintamente udito in tutta la Striscia di Gaza, fino ad Eshkol, Israele. Si pensa ad un attacco missilistico lanciato dalla Resistenza palestinese, ma pochi minuti dopo, l’IDF dichiara di aver bombardato un tunnel a Khan Younis, in prossimità del confine tra la Striscia ed Israele.

Continua la lettura di “Il regime d’Israele torna a bombardare Gaza, almeno 7 morti”