Categoria: Stato sociale

Bassi redditi e alta pressione fiscale

Indagine Adoc – al confronto con l’Europa l’Italia è una trincea di povertà.

In Italia i redditi sono più bassi del 24,6% rispetto alla media europea. Sono circa 755 euro in meno che entrano in casa. A dirlo è un’indagine dell’Adoc. L’associazione sottolinea che “le spese mensili di una famiglia italiana raggiungono la cifra media di 1.615 euro, pari al 52,6% del reddito netto disponibile. Un impatto sul reddito più alto del 2,3% rispetto alla media della UE-15, nonostante le spese complessive siano, di media, inferiori del 19,2%, pari ad una differenza di 310 euro”.

Continua la lettura di “Bassi redditi e alta pressione fiscale”

Il welfare urbano, terreno di ricostruzione della sinistra

L’articolo di Veronica Pujia “Il nuovo welfare abitativo lombardo. Opportunità per chi?” apparso su questa stessa rivista on line di Sbilanciamoci merita grande attenzione. E’ infatti un’analisi puntuale e documentatissima sugli effetti della cancellazione delle politiche abitative a sostegno della classi più povere che storicamente si chiamavano “case popolari”.

Continua la lettura di “Il welfare urbano, terreno di ricostruzione della sinistra”

Cancellare la legge Fornero è necessario, possibile, urgente!

di Roberta Fantozzi –

Le agenzie di oggi battono la notizia: “La spesa pensionistica dell’Italia è una bomba pronta ad esplodere. Lo scriverà la Commissione europea nel rapporto di primavera Ageing Report 2018”.

E giù con espressioni come “numeri choc”, gobbe previdenziali insostenibile, e ogni altra metafora utile a seminare l’idea che i processi siano fuori controllo, che alle pensioni si debba mettere mano, sì, ma per tagliare ancora… tutto l’armamentario del There Is No Alternative che ci si appresta a dispiegare.

Continua la lettura di “Cancellare la legge Fornero è necessario, possibile, urgente!”

Riforma sanitaria della Regione Lombardia

Nel numero 2 di Liberetà (periodico dello Spi-Cgil) c’è un articolo a firma Michele Lomonaco in  cui si parla del protocollo d’Intesa con l’agenzia di tutela della salute dell’area metropolitana  in merito alla riforma sanitaria della Regione Lombardia.

A proposito della “presa in carico dei malati cronici” sembra che l’unico problema sia la problematicità relativa ai gestori dato che gran parte dei medici di base non ha aderito alla graduatoria dei gestori (che cattivi!!!!!).

Continua la lettura di “Riforma sanitaria della Regione Lombardia”

Lettera aperta all’assessore Gallera sulla riforma regionale lombarda sui pazienti cronici

Dal 15 gennaio saranno inviate direttamente ai pazienti cronici le lettere per chiedere l’adesione alla riforma regionale lombarda sulla gestione dei pazienti cronici.

Lettera aperta all’assessore al welfare per evidenziare i nodi più critici delle delibere a causa dei quali chiediamo a tutte le cittadine e cittadini coinvolti di scegliere di non aderire alla riforma e rimanere con il proprio medico di base.

Continua la lettura di “Lettera aperta all’assessore Gallera sulla riforma regionale lombarda sui pazienti cronici”

Ingiustizia globale: ovunque cresce il divario ricchi-poveri

di Anna Maria Merlo

Il rapporto di Wid: picchi di disuguaglianza in Medio Oriente e nel Golfo del petrolio. La lotta di classe è mondiale: l’1% del pianeta controlla un terzo del capitale totale

Dall’inizio degli anni ’80 a oggi, l’1% ha messo le mani sul 27% della crescita, cioè più del doppio (12%) di quanto abbia fatto, complessivamente, il 50% più povero.

Continua la lettura di “Ingiustizia globale: ovunque cresce il divario ricchi-poveri”

Anziani e giovani insieme: «La pensione da diritto è diventata miraggio»

Dalla preoccupazione per una piazza Esedra mezza vuota alla partenza per corteo, alla soddisfazione per aver riempito piazza del Popolo all’arrivo. Se il Censis disegna un’Italia del «rancore» dove manca il «conflitto sociale», la Cgil ieri ha dimostrato di essere l’unica istituzione che incanala entrambi nella partecipazione e riesce ancora a riempire le strade disertate dai partiti e dai leoni da tastiera del web.

Continua la lettura di “Anziani e giovani insieme: «La pensione da diritto è diventata miraggio»”