Categoria: Lavoro

Coronavirus, la lettera di un’infermiera a Conte: «Non li voglio i 100 euro. Il mio lavoro vale molto di più»

Buongiorno Signor Presidente Conte
Sono un’infermiera di 39 anni e attualmente lavoro presso il reparto covid positivi dell’Ospedale di Senigallia. Ho terminato da poco il turno della notte che ho trascorso con i miei pazienti purtroppo infettati da questo maledetto virus. Sa Signor Presidente Conte, ho letto la bozza del decreto emanata in questi giorni per far fronte a questa maxi emergenza e mi ha colpito molto la parte dei 100 euro di premio agli operatori sanitari, 100 euro esentasse. Sa Signor Presidente Conte, io ringrazio Lei e il Governo tutto ma vorrei dirle che io NON LI VOGLIO…..NO NO DAVVERO GRAZIE MILLE, MA NON LI VOGLIO.

Continua la lettura di “Coronavirus, la lettera di un’infermiera a Conte: «Non li voglio i 100 euro. Il mio lavoro vale molto di più»”

8 marzo: Giornata internazionale della donna

È passato più di un secolo dalla celebrazione della prima Giornata Internazionale della Donna.

I semi di questa ricorrenza erano già stati gettati a New York nel 1908, quando quindicimila operaie tessili avevano invaso le strade per chiedere giorni lavorativi più brevi, un salario migliore e il diritto di voto. L’anno seguente, il Partito Socialista americano dichiarò l’ultima domenica di febbraio la giornata dedicata alle manifestazioni in favore del suffragio femminile.

Continua la lettura di “8 marzo: Giornata internazionale della donna”

Almaviva di Palermo: piove sul bagnato

Una nuova tegola sulla testa delle lavoratrici e dei lavoratori dell’Almaviva di Palermo, oggi l’impresa privata col maggior numero di dipendenti (duemila e ottocento circa) in città. Dopo intense lotte per impedire che ben mille e seicento persone perdessero il posto di lavoro a causa del ridimensionamento delle commesse da parte di Tim e Wind-Tre e proprio alla vigilia di un incontro tra queste due aziende, Almaviva e le organizzazioni sindacali proprio domani al Mise, Sky assesta un altro colpo, improvviso e inaspettato, comunicando, a fine dicembre, il taglio dei volumi assegnati ad Almaviva pari al -36% medio nel primo trimestre del 2020.

Continua la lettura di “Almaviva di Palermo: piove sul bagnato”

Un paese in svendita: le principali aziende italiane passate in mano straniera dal 2008

di Gilberto Trombetta

Dal 2008 al 2012, 437 aziende italiane sono passate nelle mani di acquirenti esteri. Di queste, almeno 130 erano marchi importanti.

Nel 2016 le acquisizioni straniere di marchi italiani ammontavano a 74 miliardi di euro contro i 3,6 miliardi di acquisizioni all’estero operate dall’Italia.

Continua la lettura di “Un paese in svendita: le principali aziende italiane passate in mano straniera dal 2008”

Di Vittorio era per salario minimo, approvare legge subito

Nell’anniversario della morte di Di Vittorio ringraziamo Marta Fana per aver ricordato la proposta di legge presentata il 14 maggio 1954 da Giuseppe di Vittorio, Teresa Noce, Vittorio Foa e tanti altri parlamentari comunisti e socialisti per la “fissazione di un minimo garantito per tutti i lavoratori”.

Una proposta che parla di noi e del nostro tempo quando nella relazione afferma che  “trova essenzialmente il suo fondamento nelle gravissime condizioni in cui versano centinaia di migliaia di lavoratori che pur sono regolarmente occupati”; e quando dopo aver  citato l’articolo 36 della Costituzione denuncia salari “che per la loro avvilente irrisorieta’ acquistano tutte le caratteristiche di veri e propri salari schiavisti” e che si hanno “situazioni di questa natura nonostante l’esistenza di contratti collettivi di lavoro e degli accordi interconfederali”.

Continua la lettura di “Di Vittorio era per salario minimo, approvare legge subito”

Italia: paradiso degli industriali, inferno per i lavoratori

di Pasquale Cicalese

Oggi l’Istat comunica il dato dell’inflazione in Italia ad agosto. A livello annuale era previsto a 0.5%, il dato reale è 0.4%. A partire da questo dato possiamo fare delle considerazioni. L’inflazione in Germania è pari all’1,7%. Come scritto dall’economista Salerno Aletta su Milano Finanza on line, è pubblicato dal nostro sito ieri, i salari in Germania sono cresciuti del 4.8%. L’ultimo dato Istat sulle retribuzioni in Italia è di giugno e lo colloca allo 0.7%. Abbiamo già informato che nel periodo 2015-2018, secondo l’economista Marco Fortis, la produttività del lavoro in Germania è cresciuta del 7.1%, in Italia del 9.1%. Possiamo trarre delle conclusioni in questi dati.

Continua la lettura di “Italia: paradiso degli industriali, inferno per i lavoratori”