Categoria: Lavoro

“Una nuova confederalità per tutto il lavoro”

L’intervista di Maurizio Landini a Tommaso Cerusici di prossima pubblicazione su Inchiesta.

Pubblichiamo l’intervista che il segretario confederale Cgil, e candidato alla segreteria nazionale, Maurizio Landini, ha rilasciato a Tommaso Cerusici, per la rivista Inchiesta, numero 201, in uscita per le edizioni Dedalo. Maurizio Landini ha confermato mercoledì nel corso del congresso della Camera del Lavoro di Milano di aver accettato la proposta di candidatura a segretario generale della Cgil emersa dopo la consultazione effettuata da Susanna Camusso.

Continua la lettura di ““Una nuova confederalità per tutto il lavoro””

La disoccupazione torna a galoppare

Rapporto Istat. L’occupazione cala soprattutto a causa della performance negativa del lavoro dipendente a tempo indeterminato. Sale ancora la disoccupazione giovanile. Gentiloni: stavolta nessuno a balcone di palazzo Chigi. Di Maio: è la coda avvelenata del Jobsact.

Nel su e giù dei decimali la disoccupazione a settembre è tornata ad un aumentare: di 0,3 punti su agosto risalendo al 10,1% e oltrepassando nuovamente la soglia psicologica della decina.

Continua la lettura di “La disoccupazione torna a galoppare”

Consulta, Prc: «Ogni cosa che smonta il Jobs act è benvenuta»

Consulta, Prc: «Ogni cosa che smonta il Jobs act è benvenuta»Una sentenza che smonta un pezzo del Jobs Act è benvenuta! La Consulta ha bocciato il meccanismo di calcolo che legava solo all’anzianità il calcolo del risarcimento a lavoratori e lavoratrici licenziati.

La sentenza rappresenta un passo avanti perché cancella una norma che rendeva irrisorio il risarcimento. Ora il giudice potrà riconoscere fino a 36 mensilità e quindi aumenta la tutela almeno economica di chi viene licenziato.

Continua la lettura di “Consulta, Prc: «Ogni cosa che smonta il Jobs act è benvenuta»”

Se cala la disoccupazione ma cresconoo gli inattivi allora vuol dire che sono numeri con il trucco

di Federico Giusti

Quando si parla di disoccupati e occupati non prendiamo in considerazione quanti da anni hanno rinunciato a cercare una occupazione barcamenandosi tra lavoretti (al nero), sussidi, aiuti di familiari.
Siamo in presenza di migliaia di uomini e donne con bassa scolarizzazione, espulsi dal mercato del lavoro, con impieghi saltuari o di pochissime ore settimanali o senza alcuna occupazione.

Continua la lettura di “Se cala la disoccupazione ma cresconoo gli inattivi allora vuol dire che sono numeri con il trucco”

Quattro vittime sul lavoro in poche ore. Le tragedie a Marina di Carrara, Arezzo, Frosinone e Vibo Valentia

21 agosto: una giornata segnata dagli incidenti sul lavoro. Sono quattro le morti bianche registrate oggi tra Toscana, Lazio e Calabria e ad Aosta un altro uomo versa in gravissime condizioni.

Un portuale di circa 40 anni, è morto al porto di Marina di Carrara schiacciato da un carrello elevatore in manovra.

Continua la lettura di “Quattro vittime sul lavoro in poche ore. Le tragedie a Marina di Carrara, Arezzo, Frosinone e Vibo Valentia”

Risposta dei migranti italiani a Di Maio dopo le sue dichiarazioni su Marcinelle

Come migranti italiani/e all’estero ci sentiamo di rispondere alla dichiarazione di ieri dell’onorevole Luigi Di Maio. “Marcinelle insegna che non bisognerebbe migrare”.

“Ci sembra che questa dichiarazione non solo ignori le cause storiche e politiche di quello che è accaduto, ma responsabilizzi l’individuo senza tenere in considerazione i motivi profondi delle migrazioni nonché la dimensione di classe di tale fenomeno.

Continua la lettura di “Risposta dei migranti italiani a Di Maio dopo le sue dichiarazioni su Marcinelle”

I lavoratori in affitto e il difficile governo europeo del salario

Lo scorso giugno il Parlamento Europeo ha approvato la nuova direttiva sui posted workers, cioè lavoratori e lavoratrici che, per un periodo limitato di tempo, lavorano in uno Stato membro UE diverso da quello in cui sono abitualmente occupati. Si tratta di circa due milioni di operaie e operai che di mese in mese si spostano sul territorio europeo, una porzione di forza lavoro da sommare agli oltre 17 milioni di migranti interni oggi presenti in Europa.

Continua la lettura di “I lavoratori in affitto e il difficile governo europeo del salario”