Categoria: Antirazzismo

«Non siamo pesci»

«Non siamo pesci»: così Fanny, fuggita da un conflitto armato in Congo e per 19 giorni a bordo della nave Sea Watch.
«Non riuscirò più a parlare tra poco perché sto congelando. Fate presto», così l’ultima telefonata giunta al numero di Alarm Phone dal barcone con circa 100 persone a bordo, al largo di Misurata, domenica scorsa.

«Non ho bisogno di essere sui notiziari, ho bisogno di essere salvato», così l’ultima risposta che uno dei 100 naufraghi lascia ad Alarm Phone.

Continua la lettura di “«Non siamo pesci»”

Gino Strada: “Siamo governati da una banda per metà fascisti e per metà coglioni”

“Gli esseri umani non sono sacchi di patate, che vengono dirottati, tu ne prendi 10, io 15. Ma dico siamo impazziti? Questo è un mondo di barbari. Qui stiamo tornando con le stesse logiche di tempi che speravamo non dovessero più ripresentarsi. Questa idea di un europa che si chiude con muri è un’idea che ha un nome molto chiaro: l’idea della fortezza europa è un’idea hitleriana”. Lo dice Gino Strada, fondatore di Emergency ‘Circo Massimo’ su Radio Capital.

Continua la lettura di “Gino Strada: “Siamo governati da una banda per metà fascisti e per metà coglioni””

Dentro l’inferno libico, le immagini delle prigioni dove i migranti vengono torturati e uccisi

L’inferno della carceri libiche nelle voci di chi ha visto la morte con gli occhi. Sandro Ruotolo intervista per Fanpage.it alcuni migranti africani, oggi ospiti della comunità di don Luca Favarin a Padova.

Continua la lettura di “Dentro l’inferno libico, le immagini delle prigioni dove i migranti vengono torturati e uccisi”

Catania, se sedici ragazzine dicono basta alle aggressioni contro i migranti e decidono di difendere il “vu cumprà” cingalese

Sedici ragazzine hanno difeso e aiutato un commerciante Cingalese aggredito da un gruppo di adolescenti catanesi e dopo averlo assistito hanno anche “fatto quadrato” per evitare che continuassero le vessazioni.

Sabato sera, poco prima della mezzanotte, nel centro di Catania scatta l’aggressione al venditore ambulante cingalese da parte di un gruppo di ragazzi catanesi. La bancarella viene ribaltata e il commerciante deriso.

Continua la lettura di “Catania, se sedici ragazzine dicono basta alle aggressioni contro i migranti e decidono di difendere il “vu cumprà” cingalese”

12 dicembre 49° anniversario della strage di piazza Fontana

Il 12 dicembre del 1969 una bomba ad alto potenziale e di chiara matrice neofascista esplodeva nella Banca Nazionale dell’Agricoltura di Milano provocando 17 morti e 84 feriti.

Fu l’inizio della strategia della tensione e il preludio alla stagione del terrorismo e dell’eversione in Italia. Nonostante numerosi processi e diverse sentenze, nonostante i colpevoli siano stati chiaramente individuati, per questa strage nessuno ha pagato.

Continua la lettura di “12 dicembre 49° anniversario della strage di piazza Fontana”

A.A.A. Comunicato stampa sul DDL Sicurezza delle Famiglie Accoglienti dei Ragazzi Rifugiati

“Dovrete espellere anche noi”

Come famiglie che hanno un ragazzo africano o asiatico con loro siamo indignate e offese dal fatto che il governo abbia posto la fiducia sul Decreto n. 113/2018, bugiardamente definito “Decreto sicurezza” quando in realtà aumenterà il numero di migranti in situazione irregolare e creerà maggiore insicurezza nelle nostre città.

Continua la lettura di “A.A.A. Comunicato stampa sul DDL Sicurezza delle Famiglie Accoglienti dei Ragazzi Rifugiati”