Categoria: Politica interna

Autonomia regionale differenziata. La secessione di ricchi

Il Partito della Rifondazione Comunista lancia una campagna nazionale contro l’ Autonomia Differenziata,  richiesta  dalle tre regioni Veneto, Lombardia, Emilia Romagna, e che vede altre regioni interessatautonomia-dif-2e ad intraprendere la stessa strada.

Il governo giallo – verde nel suo furore contro la democrazia costituzionale, porta avanti la linea della secessione,a cui si aggiunge in larga parte il PD, stiamo, così, giungendo ad un passaggio che costituisce, se non lo blocchiamo, una mutazione definitiva della nostra architettura istituzionale.

Tenendo finora, il tema sotto traccia, la Lega vuol chiudere la trattativa entro il 15 febbraio, evitando una necessaria discussione politica diffusa, una consultazione di massa, una decisionalità di popolo, l’espressione di una “sovranità popolare” prevista dall’art. 1 della Costituzione.

Continua la lettura di “Autonomia regionale differenziata. La secessione di ricchi”

ANPI: O.d.G. sulla crisi in Venezuela

7 Febbraio 2019

Gino Strada: “Siamo governati da una banda per metà fascisti e per metà coglioni”

“Gli esseri umani non sono sacchi di patate, che vengono dirottati, tu ne prendi 10, io 15. Ma dico siamo impazziti? Questo è un mondo di barbari. Qui stiamo tornando con le stesse logiche di tempi che speravamo non dovessero più ripresentarsi. Questa idea di un europa che si chiude con muri è un’idea che ha un nome molto chiaro: l’idea della fortezza europa è un’idea hitleriana”. Lo dice Gino Strada, fondatore di Emergency ‘Circo Massimo’ su Radio Capital.

Continua la lettura di “Gino Strada: “Siamo governati da una banda per metà fascisti e per metà coglioni””

Non è il governo del popolo, ma rischia di sembrarlo se l’opposizione è quella del Pd

di Roberta Fantozzi –

Con il decreto sul “Reddito di Cittadinanza” e su “Quota 100” si è completata la manovra di bilancio del governo Lega-M5S. L’approvazione del decreto segna indubbiamente un punto per il governo, rispetto ai molti che scommettevano e tifavano perché questo non avvenisse.

Dunque è davvero il governo del “popolo” e del “cambiamento”?

Continua la lettura di “Non è il governo del popolo, ma rischia di sembrarlo se l’opposizione è quella del Pd”

#DlSicurezza – La lettera del sindaco Orlando all’anagrafe di Palermo

Al Sig. Capo Area Servizi al Cittadino SEDE

OGGETTO: Procedure per residenza anagrafica degli stranieri.

Nella mia qualità di Sindaco della Città di Palermo, da sempre luogo di solidarietà e di impegno in favore dei diritti umani, in coerenza con posizioni assunte e atti deliberativi adottati da parte di questa Amministrazione comunale, che considera prioritario il riconoscimento dei diritti umani per tutti coloro che comunque risiedono nella nostra città, Le sottopongo una richiesta di ponderazione e una precisa indicazione riguardo alla Legge 132/2018.

Continua la lettura di “#DlSicurezza – La lettera del sindaco Orlando all’anagrafe di Palermo”

Manovra, Camusso: “Tra due anni pane e acqua per tutti”

L’affondo del segretario della Cgil: “Manovra di destra e miope. Quota 100? Non interviene sulle situazioni più critiche”.

Susanna Camusso boccia in toto la legge di Bilancio approvata dalla maggioranza giallo-verde. “Lavoro e migliori condizioni per le persone sono di sinistra. Quindi è una manovra di destra. E con le clausole di salvaguardia sull’Iva inserite, tra due anni prevede pane e acqua per tutti, quindi è anche una manovra miope” sottolinea il segretario della Cgil, che si mobiliterà a gennaio con le altre sigle sindacali, in un’intervista al Fatto Quotidiano.

Continua la lettura di “Manovra, Camusso: “Tra due anni pane e acqua per tutti””

Il governo prenda le risorse da chi ce l’ha!

Il governo prenda le risorse da chi ce l’ha! Taglio del deficit non si scarichi su pensioni e reddito, nè sia coperto da altre privatizzazioni!

Taglio del deficit non si scarichi su pensioni e reddito, nè sia coperto da altre privatizzazioni!

di Roberta Fantozzi

Conte ha annunciato che il deficit scende dal 2,4 al 2,04%. Fanno circa 6,4 miliardi in meno.

Ha anche dichiarato che “Quota 100″ e il reddito restano come previsto e che le risorse saranno recuperate da nuove dismissioni cioè da altre privatizzazioni. Non è accettabile.

Continua la lettura di “Il governo prenda le risorse da chi ce l’ha!”