Categoria: Politica interna

La scrittrice Michela Murgia risponde alle offese di Matteo Salvini con il gioco della “sinossi dei curriculum”

L’autrice di “Accabadora” ricorda quando era studente lavoratrice, poi insegnante precaria, operaia in una centrale termoelettrica e ancora cameriera d’albergo e infine operatrice di un call center prima di arrivare ai successi editoriali. “Lei invece, signor ministro?”

Michela Murgia risponde per le rime all’ennesimo tweet offensivo di Matteo Salvini che ha definito la scrittrice, autrice del bestseller “Accabadora” e vincitrice dei premi Campiello, Dessì e SuperMondello, una “intellettuale radical chic e snob”. Murgia replica al ministro dell’Interno con un lungo post su Facebook proponendogli un gioco, la “sinossi dei curriculum”.

Continua la lettura di “La scrittrice Michela Murgia risponde alle offese di Matteo Salvini con il gioco della “sinossi dei curriculum””

Un’Assemblea costituente per una democrazia costituzionale europea

Il Comitato esecutivo del Coordinamento per la Democrazia Costituzionale (CDC) ha ritenuto di dover offrire un contributo sui temi dell’Unione Europea (UE) in vista delle elezioni di maggio del Parlamento europeo. Al di là delle singole proposte – cittadinanza sociale, new deal ecc. ‒, alla base del documento ci sono due punti, tra loro strettamente connessi, meritevoli di approfondimento critico: la possibilità di riformare i Trattati e da qui la possibilità di avviare un processo di democratizzazione delle istituzioni dell’UE, per giungere a una vera democrazia parlamentare.

Continua la lettura di “Un’Assemblea costituente per una democrazia costituzionale europea”

Europee, nasce la lista della sinistra: “Un terzo spazio alternativo a destre e liberisti”

Si è svolta alla Camera la conferenza stampa delle forze della Sinistra Europea riguardo alla presentazione di una lista unitaria per le Europee.

Quando mancano praticamente due mesi alle elezioni europee del 26 maggio vi è fermento per lapreparazione di liste e candidature in particolare nella sinistra. Dopo settimane di incertezze, nella mattinata di questo lunedì 25 marzo si è svolta una conferenza stampa presso la Camera dei Deputati che aiuta a chiarire il quadro e il perimetro di quella che sarà la lista “unitaria” di riferimento della Sinistra Europea in Italia.

Continua la lettura di “Europee, nasce la lista della sinistra: “Un terzo spazio alternativo a destre e liberisti””

Autonomia regionale differenziata. La secessione di ricchi

Il Partito della Rifondazione Comunista lancia una campagna nazionale contro l’ Autonomia Differenziata,  richiesta  dalle tre regioni Veneto, Lombardia, Emilia Romagna, e che vede altre regioni interessatautonomia-dif-2e ad intraprendere la stessa strada.

Il governo giallo – verde nel suo furore contro la democrazia costituzionale, porta avanti la linea della secessione,a cui si aggiunge in larga parte il PD, stiamo, così, giungendo ad un passaggio che costituisce, se non lo blocchiamo, una mutazione definitiva della nostra architettura istituzionale.

Tenendo finora, il tema sotto traccia, la Lega vuol chiudere la trattativa entro il 15 febbraio, evitando una necessaria discussione politica diffusa, una consultazione di massa, una decisionalità di popolo, l’espressione di una “sovranità popolare” prevista dall’art. 1 della Costituzione.

Continua la lettura di “Autonomia regionale differenziata. La secessione di ricchi”

ANPI: O.d.G. sulla crisi in Venezuela

7 Febbraio 2019

Gino Strada: “Siamo governati da una banda per metà fascisti e per metà coglioni”

“Gli esseri umani non sono sacchi di patate, che vengono dirottati, tu ne prendi 10, io 15. Ma dico siamo impazziti? Questo è un mondo di barbari. Qui stiamo tornando con le stesse logiche di tempi che speravamo non dovessero più ripresentarsi. Questa idea di un europa che si chiude con muri è un’idea che ha un nome molto chiaro: l’idea della fortezza europa è un’idea hitleriana”. Lo dice Gino Strada, fondatore di Emergency ‘Circo Massimo’ su Radio Capital.

Continua la lettura di “Gino Strada: “Siamo governati da una banda per metà fascisti e per metà coglioni””