Categoria: Sinistra e movimenti

Lettera aperta ai segretari di PCI e PRC

Lettera aperta ai segretari di PCI e PRCdi Gianni Fresu* – http://www.giannifresu.it – 29 agosto 2018 –

Nel 1991 aderii con l’entusiasmo della gioventù e la razionalità di una scelta ponderata al PRC, nel 2013 lo abbandonai con il dolore della sconfitta, sapendo che di quel dolore non mi sarei facilmente liberato, non casualmente, dopo, non ho più trovato una realtà che potessi considerare (con la stessa convinzione) la mia casa politica. Negli anni Novanta, quando tutti erano impegnati nell’apologia del neo-liberismo, assumendo i paradigmi della flessibilizzazione e precarizzazione del mercato del lavoro, delle privatizzazioni, dell’adesione entusiastica alla UE di Maastricht, il PRC (pur tra tanti limiti ed errori) è stata l’unica forza organizzata a levare la sua voce critica, a mostrare quanto fosse effimera e destinata a infrangersi contro il muro una crescita economica realizzata a colpi di delocalizzazioni produttive, speculazioni finanziarie, distruzione di diritti sociali, smantellamento delle funzioni di programmazione economica da parte dello Stato.

Continua la lettura di “Lettera aperta ai segretari di PCI e PRC”

Recuperare l’autonomia culturale e politica dei comunisti per combattere il senso comune reazionario

di Raul Mordenti*

Recuperare l’autonomia culturale e politica dei comunisti per combattere il senso comune reazionario diffuso fra le masse è oggi il nostro primo e più urgente compito.

La compagna C.R. ha scritto assai giustamente che razzismo è anche nelle fila dei proletari e perfino dei comunisti.

L’allarme non deve essere in alcun modo trascurato (io anzi aggiungerei all’elenco della zozzeria che sporca anche le nostre fila anche l’antisemitismo, l’omofobia, il disprezzo per le donne).

Continua la lettura di “Recuperare l’autonomia culturale e politica dei comunisti per combattere il senso comune reazionario”

Potere al Popolo: opportunità o gabbia minoritaria per Rifondazione?

Pubblichiamo un documento critico verso l’esperienza di “Potere al Popolo!” presentato alla riunione del Comitato Politico Nazionale di Rifondazione Comunista del 6 maggio scorso. Il dibattito è aperto.

Riteniamo che la tre giorni di Spoleto abbia certamente dato le giuste indicazioni sull’avvio di un aggiornamento e di una riorganizzazione dell’attività del Partito sul piano della comunicazione, della formazione, come dell’autofinanziamento. Un buon punto di ripartenza, che rischia di restare pura e semplice declamazione se non sostanziato dall’agire politico.

Continua la lettura di “Potere al Popolo: opportunità o gabbia minoritaria per Rifondazione?”

A tutte le forze di sinistra e progressiste in Europa: Creare l’unità per sconfiggere la politica neoliberista!

Qui di seguito potete leggere una importante dichiarazione del Presidente della sinistra europea che propone l’unità di tutte le forze di sinistra e progressiste per sconfiggere il neoliberismo.

Dichiarazione del presidente della sinistra europea:

A tutte le forze di sinistra e progressiste in Europa: Creare l’unità per sconfiggere la politica neoliberista!

Continua la lettura di “A tutte le forze di sinistra e progressiste in Europa: Creare l’unità per sconfiggere la politica neoliberista!”

“In Cgil oltre ai leghisti anche i grillini. Ma il sindacato è sempre lo stesso”

Stralci dell’intervista a Susanna Camusso (la Repubblica).

“Che tra gli operai delle fabbriche del nord iscritti alla Cgil ci fosse chi votava Lega lo sapevamo da tempo, la novità è che c’è un’altra quota di nostri tesserati che non si astiene più e che vota per i Cinquestelle”. È una parte della «sconfitta brutale subita dalla sinistra» di cui parla in questa intervista (Repubblica, p.8) Susanna Camusso, segretaria generale della Cgil, alla vigilia dell’avvio dell’iter congressuale che porterà al ricambio del vertice del sindacato. Un congresso che darà un contributo alla necessaria «ricostruzione di una sinistra», ai suoi valori, alla sua identità.

Continua la lettura di ““In Cgil oltre ai leghisti anche i grillini. Ma il sindacato è sempre lo stesso””