Categoria: Stato sociale

Nota aggiornata su “Reddito di cittadinanza” e Quota 100

(DECRETO LEGGE 28 GENNAIO 2019, N.4)

Il 28 gennaio è stato finalmente pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il decreto legge che disciplina il cosiddetto “reddito di cittadinanza” e Quota 100.   Il testo è dunque quello effettivamente definitivo, diverso in alcune parti anche rispetto alla versione approvata dal Consiglio dei Ministri (per come era stata pubblicata dalla stampa).

Ovviamente come tutti i decreti ha effetti immediati, ma deve essere convertito in legge entro 60 giorni, e nella conversione sono possibili modifiche da parte del Parlamento.

Continua la lettura di “Nota aggiornata su “Reddito di cittadinanza” e Quota 100”

“Ministra Grillo, rifletta. È ancora in tempo per non distruggere il Servizio sanitario nazionale”

di Vittorio Agnoletto

Si sono appena concluse le celebrazioni per il 40° anniversario della riforma sanitaria che la ministra Grillo subito ne annuncia la volontà di archiviarla definitivamente. La riforma fu approvata nel 1978 e superati i primi anni di rodaggio il nostro Servizio sanitario nazionale fu riconosciuto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità come uno dei migliori di tutto il mondo, universale e gratuito, finanziato alla fonte con la fiscalità generale da ogni cittadino in rapporto al reddito.

Continua la lettura di ““Ministra Grillo, rifletta. È ancora in tempo per non distruggere il Servizio sanitario nazionale””

In morte del servizio sanitario nazionale

In morte del servizio sanitario nazionale
di Ivan Cavicchi
 
MUORE COSÌ, nel quarantennale della sua nascita, il servizio sanitario nazionale. Con esso muore: la solidarietà tra le persone, quella che finanzia attraverso il fisco in modo giusto i bisogni di salute dei poveri e dei ricchi, l’universalità cioè la persona…”
 
Salute. Gli esiti devastanti del regionalismo differenziato chiesto dal Veneto, dalla Lombardia e dall’Emilia Romagna. Cioè dalla lega e dal Pd.
 

Continua la lettura di “In morte del servizio sanitario nazionale”

Manovra, Camusso: “Tra due anni pane e acqua per tutti”

L’affondo del segretario della Cgil: “Manovra di destra e miope. Quota 100? Non interviene sulle situazioni più critiche”.

Susanna Camusso boccia in toto la legge di Bilancio approvata dalla maggioranza giallo-verde. “Lavoro e migliori condizioni per le persone sono di sinistra. Quindi è una manovra di destra. E con le clausole di salvaguardia sull’Iva inserite, tra due anni prevede pane e acqua per tutti, quindi è anche una manovra miope” sottolinea il segretario della Cgil, che si mobiliterà a gennaio con le altre sigle sindacali, in un’intervista al Fatto Quotidiano.

Continua la lettura di “Manovra, Camusso: “Tra due anni pane e acqua per tutti””

Una manovra economica contro i poveri

Invece di sganciare il soggetto in difficoltà dal ricatto lo si rinchiude in un ulteriore trappola che serve solo agli interessi del modello economico di riferimento del governo: il liberismo economico

Il Def non interviene su nessuna delle cause che provocano l’aumento delle disuguaglianze: tagli alle politiche sociale, politiche di austerità, lavoro povero ed a bassa intensità, politiche fiscali regressive, assenza di adeguate misure di welfare, bassi investimenti pubblici e privati in settori industriali ad alta intensità di lavoro e/o legati alla riconversione ecologica delle attività produttive. Non è nemmeno una manovra che tenta di contrastare le disuguaglianze, anzi le allarga rafforzando la guerra tra poveri avviata con i precedenti governi.

Continua la lettura di “Una manovra economica contro i poveri”

Come si privatizza il servizio sanitario nazionale

di *

Prima del 1978 c’erano le casse mutue, oggi si torna a un sistema sanitario “corporativo” e non universalistico attraverso il predominio delle assicurazioni che fanno capo al welfare aziendale di dipendenti semi-paganti e alla spartizione dei finanziamenti pubblici in Fondi regionali che aggravano le disparità geografiche. Con la flat tax il rischio del colpo finale.

Continua la lettura di “Come si privatizza il servizio sanitario nazionale”

La favola brutta della Fornero immutabile e dell’invasione

di Felice Roberto Pizzuti

Non è vero che non si può abbassare l’età pensionabile a 64 anni. Costa 9 e non 18 miliardi. Molti interventi ridurrebbero la precarietà delle nostre vite. E senza mettere in contrapposizione ex giovani e anziani o lavoratori stranieri con italiani. Dagli stranieri 5 miliardi annui di saldo attivo.

Il dibattito economico e politico riporta l’attenzione sulla previdenza, sui suoi bilanci e sulle connessioni con le tendenze demografiche e i flussi migratori.

Continua la lettura di “La favola brutta della Fornero immutabile e dell’invasione”

Sanità in ginocchio. Cgil, Cisl e Uil scrivono alla ministra Giulia Grillo

Avviare “un confronto costruttivo”.

Cgil, Cisl e Uil hanno chiesto un incontro al ministro della Salute, Giulia Grillo, per avviare “un confronto costruttivo mirato al rafforzamento e al rilancio del Sistema sanitario nazionale universale, equo e solidale”. Le tre confederazioni lo annunciano in una nota unitaria a firma dei segretari confederali Rossana Dettori (Cgil), Ignazio Ganga (Cisl) e Silvana Roseto (Uil).

Continua la lettura di “Sanità in ginocchio. Cgil, Cisl e Uil scrivono alla ministra Giulia Grillo”